Perché le auto degli anni ’90 sono così brutte

Negli anni ’90, l’industria automobilistica è stata accolta da molti nuovi metodi di produzione che hanno permesso di prendere decisioni di design più accurate. Questo ha portato a molte auto dal design stupefacente come la Ferrari F50 o l’Aston Martin DB7, ma non tutte le auto degli anni ’90 erano belle da vedere.

Infatti, la maggior parte di esse avevano un aspetto piuttosto sgradevole, e alcune erano anche semplicemente orribili. Si dice che la bellezza è negli occhi di chi guarda, ed è vero. Tuttavia, alcune di queste auto offrono decisioni di design che solo una madre potrebbe amare, una madre molto, molto buona e premurosa.

La ragione per cui le auto avevano un aspetto così brutto è che l’intero ethos del design automobilistico è cambiato nel giro di pochi anni. L’aerodinamica divenne un fattore molto importante da considerare, e le case automobilistiche adottarono l’idea che la funzione dovesse seguire la forma nella maggior parte dei casi.

Una maggiore enfasi era diretta verso l’efficienza e le cose sono andate avanti da lì. Vale la pena dire che le auto degli anni ’70 sono ampiamente considerate le più brutte di tutte. Tuttavia, generazioni diverse percepiscono le vecchie auto in modo diverso, e chissà cosa potremmo pensare delle auto del 2020 dopo qualche decennio.

Design delle auto anni ’90 – Auto più belle, auto più brutte

Scegliere una singola auto e definirla bella o brutta è piuttosto soggettivo, ma se adottiamo un approccio più ampio, e consideriamo molte classifiche online e concorsi di bellezza per auto anni ’90, dovremmo ottenere una comprensione generale di ciò che il pubblico generale ritiene brutto, o bello come una foto.

È quasi impossibile pensare che la Ferrari F50 non sia una bella macchina. Anche se il design era discutibile al meglio quando è uscito, sembra che la F50 sia invecchiata bene. L’Aston Martin DB7, la BMW Serie 8, la Lamborghini Diablo GT, la BMW Z3 M Coupé, la Mazda RX-7 e la Porsche 911 993 GT2 erano alcune delle più belle auto degli anni ’90.

  Le auto ibride possono funzionare solo con l'elettricità?

Tuttavia, se dovessimo compilare una lista delle ”più brutte auto degli anni ’90 là fuori” dovremmo considerare di aggiungere la Subaru SVX, la Mustang di quarta generazione, la Lancia Ypsilon, la Suzuki X-90, la Buick Skylark e la buona vecchia Fiat Multipla.

Il linguaggio del design automobilistico degli anni ’90

Negli anni ’70, e specialmente negli anni ’80, le auto erano piuttosto semplici. Non voglio dire che le auto degli anni 80 fossero brutte, erano solo un po’ noiose. Le auto a forma di cuneo erano comuni come il latte, e a volte sembrava che l’industria automobilistica mancasse di motivazione o di infrastrutture per offrire scelte di design più futuristiche.

Tuttavia, gli anni ’90 sembravano aver cambiato questo in una certa misura. Anche se molte auto degli anni ’90 erano a dir poco sgradevoli, erano almeno un po’ più audaci. Il design delle auto degli anni ’90 ha abbracciato un concetto decennale di curvatura e di design sportivo che ha rinvigorito molte auto degli anni ’90 e le ha fatte sembrare stupende.

Questa fu l’epoca in cui nacquero auto come la Mazda Miata, erano così piacevolmente curvate che Mazda decise di non cambiare l’aspetto della Miata per decenni. Le supercar sono diventate più ”super” con più potenza, una meccanica molto migliore e un’ergonomia sostenuta da decisioni di design intelligenti.

Semplicità – La cosa migliore del design delle auto degli anni ’90

Come detto in precedenza, alcune auto degli anni ’90 sono certamente belle, ed è giusto sapere perché. Ciò che auto come la Mazda RX-7, la BMW Serie 7, la Lamborghini Diablo GT, la BMW Serie 8, la Acura NS-X, la Toyota Supra e la Nissan Skyline GT-R hanno in comune è la semplicità nel design.

  Cosa non si dovrebbe dire a un venditore d'auto?

La semplicità è facile per gli occhi, non importa quanto bello o meno possa essere. Questo significa che questi tipi di auto invecchiano quasi sempre meglio, specialmente se paragonati ad auto troppo stilizzate come la Fiat Multipla o la Lancia Ypsilon che sembrano essere state disegnate da qualcuno che non aveva idea di quando smettere di disegnare.

La mancanza di cluster visivo rende le forme più memorabili, permette all’artista di perfezionare l’essenziale che quasi sempre si traduce attraverso le generazioni nel tempo. Anche se gli anni ’90 erano prevalentemente pieni di auto brutte, alcune auto degli anni ’90 erano e sono ancora mesmeriosamente belle.

Sezione FAQ

Cosa definiva le auto degli anni ’90?

Le auto degli anni ’90 erano molto più avanzate rispetto a quelle degli anni ’80, tanto che a volte sembra che il passaggio dagli anni ’80 ai ’90 sia stato il più grande salto nella storia dell’automobile. I fattori che definivano gli anni ’90 erano il design moderno delle curve e la semplicità, più potenza, migliori proporzioni, più kit di sicurezza, efficienza e superiorità tecnologica generale.

Le supercar degli anni 90 erano spesso due volte più potenti delle auto di punta degli anni 80, il che ha spinto l’intera industria delle supercar verso auto più sportive. Questo è ovvio nel momento in cui si dà un’occhiata alla leggendaria McLaren F1, dato che questa splendida supercar è ancora una delle auto più veloci esistenti, e probabilmente rimarrà tale a tempo indeterminato.

  Un'auto nera è più calda di un'auto bianca?

Quale epoca ha offerto le auto più belle di tutti i tempi?

È estremamente difficile isolare un solo decennio nella storia del design automobilistico e incoronarlo come superiore, ma sembra che le auto degli anni ’60 siano, come direbbero i giovani, costruite diversamente. Auto come l’Aston Martin DB5 e la Ferrari 250 GTO sono molto al di sopra delle nuvole quando si tratta di valore, e questo è principalmente a causa del loro aspetto.

Ogni decennio ha avuto dei punti salienti e auto francamente assurdamente brutte, ma sembra che gli anni ’60 siano stati un po’ più coesi e dall’aspetto sicuro. Il fatto che la tecnologia del design automobilistico sia migliorata a passi da gigante nei decenni successivi, ma che non sia ancora riuscita ad avvicinarsi agli anni ’60, ribadisce ulteriormente il motivo per cui gli anni ’60 sono spesso considerati l’apice del design automobilistico.

Come sarà il futuro del car design?

Sembra che ora sia il momento in cui l’industria automobilistica sta attraversando quella che può essere descritta solo come una rivoluzione. Le auto elettriche stanno diventando sempre più popolari, e il design dell’auto enfatizza più che mai l’aerodinamica per migliorare l’efficienza e la silenziosità.

Come tale, siamo destinati ad aspettarci auto dall’aspetto elegante con un sacco di curve, poiché queste sono le avanguardie del design automobilistico efficiente. Alcune marche stanno adottando un linguaggio di design completamente nuovo, quindi è difficile valutare cosa verrà in futuro. Tutto quello che sappiamo per certo è che la tecnologia apre la strada a un design più eccitante, almeno in teoria.

Nuovo su Cars A2Z